loading
Richiesta vacanza

Sonntag, 22.10.2017

Considerable cloudiness with light snowfall starting before noon.

snow-light
0
°C

Sun: 0.9 h

Vento: 22 km/h Nordwest

Fresh snow: 5.6 cm

Snow line: 1470 m

Mo.

snow-light
-1°
-2°

Di.

cloudy

Mi.

cloudy-s-sunny

Do.

sunny-s-cloudy
12°

Fr.

sunny-s-cloudy
12°

Wetterdaten: Quelle ZAMG

Escursioni

L'unicità paesaggistica della Turracher Höhe schiude ai suoi visitatori una vivace molteplicità di possibili attività: passeggiate in piano attorno al lago Turracher See, o lungo una serie di sentieri segnalati attraverso i boschi di cembri.

Il maggiordomo dell'Alpe (Alm Butler) (LINK) è sempre al servizio di coloro che desiderano fare esperienze in montagna più da vicino sulla Turracher Höhe e che la vogliono percorrere assieme ad un gruppo.

Varie esperienze montane ed escursionistiche

Il sentiero dei 3 laghi, un giro ottimamente segnalato (circa 2 ore, 7,2 km) che conduce negli angoli più belli della Turracher Höhe e che, allo stesso tempo, risulta essere un sentiero didattico dei sensi.

Il sentiero panoramico Barbara-Weg (circa 2 ore) sulle tracce della tradizione montano-contadina di Turrach, che in modo chiaro e informativo presenta le particolarità del mondo montano di Turrach. www.erlebniswegenockberge.at/barbara-weg.

Tour in montagna di ogni lunghezza per raggiungere cime impressionanti, da un grado di difficoltà minimo (con la seggiovia a 6 posti sul Kornock), tuttavia molto "alpino" sul Rinsennock (2.334 m),a quello sportivo dalla Turracher Höhe per raggiungere lo Schoberriegel (2.208 m) e la "Gruft" (2.232 m), fino alle 7 cime impegnative sul tetto dei Nockberge, l'Eisenhut (2.441 m) o, entrando dietro nel Biosphärenpark Nockberge (parco nazionale della biosfera), il Großen Königstuhl (2.336 m).

Carte escursionistiche con diverse proposte

In una carta della Turracher Höhe (disponibile al prezzo di € 3,00 presso l'Associazione turistica della Turracher Höhe) sono proposti numerosi percorsi. E' possibile scegliere tra:


Comportamento da tenere durante le escursioni

Si legge spesso di persone che in montagna si mettono sconsideratamente in pericolo. Questo accade perché indossano scarpe inadatte, hanno dimenticato importanti parti della loro attrezzatura quali la protezione dalla pioggia, dal freddo o dal sole, sopravvalutano la forma fisica, o perché non hanno prestato attenzione alle informazioni meteorologiche.
Fare escursioni in modo sicuro necessita di informazioni e preparazione. Vi preghiamo pertanto di fare attenzione a queste regole per tenere un comportamento corretto in montagna. La vostra sicurezza ci sta a cuore. Da non dimenticare: durante il tour bere abbondantemente

  • Prima di intraprendere un tour assicurarsi dell’esperienza e della condizione fisica di tutti i partecipanti, compresi i bambini. Le escursioni in montagna richiedono un passo sicuro e assenza di vertigini.
  • Tenere sotto mano il programma preciso delle descrizioni dei tour e le carte geografiche. Le informazioni delle associazioni alpine e degli esperti del posto, quali ad esempio i gestori delle baite, possono aiutare in modo rilevante.
  • Fare attenzione all’equipaggiamento e all’abbigliamento: scarpe robuste e alte con suola antisdrucciolevole e una protezione solare e dal freddo sono molto importanti.
  • Prima della partenza informare il gestore del rifugio, l’albergatore, oppure gli amici del sentiero e della meta del tour, così come anche del ritorno previsto.
  • Adattare l’andatura al membro più debole del gruppo. Fare attenzione, soprattutto all’inizio del tour, di cominciare lentamente. Osservare attentamente gli altri partecipanti in modo da riconoscere per tempo i segnali di stanchezza.
  • Non abbandonare i sentieri tracciati. Fare molta attenzione ogniqualvolta si percorrono tratti erbosi ripidi, soprattutto se bagnati‚ è particolarmente pericoloso attraversare campi innevati scoscesi.
  • Non calciare pietre (pericolo di ferimento per gli altri escursionisti). Individuare e passare rapidamente i punti con pericolo di caduta pietre senza sostare.
  • Tornare indietro se il tempo cambia, se scende la nebbia, se il sentiero diventa difficile o in cattive condizioni. Ciò non deve rappresentare una vergogna, bensì un segno di giudizio.
  • Qualora si verificasse un incidente mantenere la calma: se è possibile aiutarsi da soli, chiamare aiuto tramite cellulare, grida, segnali luminosi o cenni con capi di abbigliamento. Di regola un ferito deve essere lasciato sul luogo dell’incidente e mai da solo.
  • Portare a valle con sé i rifiuti. Rispettare la flora e la fauna.
  • Comportamento con gli animali sui pascoli alpini: non stuzzicare mucche, vitelli, pecore, cavalli ecc…, ma comportarsi “normalmente“ senza mostrare timore. Non abbandonare i sentieri per i pascoli alpini e trattare gli animali rispettando il loro spazio.
  • I cani devono essere tenuti al guinzaglio e non possono in alcun modo rincorrere gli animali al pascolo, in modo particolare le mucche che hanno appena partorito e i loro vitelli. Qualora un animale al pascolo dovesse attaccare il vostro cane, lasciarlo libero per mettersi in salvo.


Numero del soccorso alpino: 140
Numero di soccorso internazionale: 112